martedì 23 dicembre 2014

G. CASTELLO- LUCKY JUNIOR: 2-2

Il Pagellone del Bellugi
L’anno solare della Lucky finisce con un pareggio rocambolesco e ricco di emozioni. Abbiamo sofferto a lunghi tratti il dinamismo del giovane 11 del G. Castello (il più grande aveva 20 anni) ma siamo rimasti in partita fino all’ultimo secondo utile, senza mollare mai con la testa. I primi 15 minuti di partita sono stati un vero incubo e fatichiamo non poco a sostenere il ritmo imposto dagli avversari. Proprio quando sembrava che stavamo prendendo le misure subiamo il gol del G. Castello: palla in profondità per l’attaccante che, in evidente fuorigioco, mette dentro un cross forte e teso che Orsolini devia in rete nel tentativo di spazzare. Per alcuni minuti rimaniamo storditi ma dopo iniziamo finalmente a farci vedere in avanti, soprattutto con le giocate di Galante e qualche tiro velleitario dalla distanza. Proprio Galante si infortuna dopo la mezz’ora ed è costretto ad uscire per una brutta distorsione alla caviglia. Al suo posto Lucky Anyanwu che inizia subito bene, gestendo il pallone e facendo salire e respirare la squadra. Il secondo tempo, come sempre ci accade, ci vede protagonisti. Nonostante i primi minuti ancora di fabbrica degli avversari iniziamo a macinare gioco, sfornando azioni a ripetizione ma soprattutto sfoggiando una grande intensità e rabbia agonistica. Il gol del pareggio era nell’aria ed arriva da una mezza papera del portiere ma soprattutto dalla bravura di Lucky Anyanwu che ruba palla proprio dai piedi del portiere ed insacca a porta vuota. L’avversario era tramortito e per diversi minuti siamo padroni del campo con il gol del vantaggio che sembrava dovesse arrivare da un momento all’altro. Facciamo però riprendere coraggio agli avversari con una mezza dormita difensiva dove Fabione ci mette una pezza con una paratona. Il G. Castello riprende in mano il gioco con noi che cerchiamo di far male soprattutto con veloci contropiedi. Una gran bella partita adesso, aperta a tutti i risultati. Si arriva così a ridosso del 90’: calcio di punizione, tutto spostato sulla sinistra, a ridosso dell’area di rigore. Palla dentro, ribattuta corta che arriva all’attaccante avversario che stoppa nettamente con la mano ed insacca indisturbato alle spalle di Fabio Di Matteo. Proteste vibranti verso l’arbitro che non poteva non vedere. Questa volta però non ci piangiamo addosso e giochiamo il recupero con un grande cuore e soprattutto con una “testa” da grande squadra. Calcio d’angolo finale, palla che finisce sul secondo palo dove un Cicchetti lasciato solo insacca con un rasoterra sporco ma efficace!! Pareggio giusto e mitraglia del Cicchetti alla Batistuta!!! Ora non mangiamo troppo sotto ste feste e facciamoci trovare pronti dopo la sosta!!! DAJE LUCKY  
TABELLINO: DI MATTEO 6,5 – BELLUCCI 6 – GATTO 6 – ORSOLINI 6,5 – CICCHETTI 7  – INGANNAMORTE 6 – TEMPESTA 6,5 – NUCCILLI 6 (dal 80’ NULLI S.V.) – GALANTE 6 (dal 35’ ANYANWU 7) – SALATINO 6 – DI TOMMASO 6. PANCHINA: CROCE – PAZIENZA. ALLENATORE: MASSA.
MARCATORI: 55’ANYANWU, 90’+2 CICCHETTI.
AMMONITI: TEMPESTA, INGANNAMORTE, CICCHETTI.
DI MATTEO 6,5 – Gioca con il consueto fastidio alla spalla destra che però non gli impedisce di giocare una buona partita. La cosa più bella nel secondo tempo quando devia in corner un tiro a botta sicura diretto all’incrocio dei pali alla sua sinistra. Ha anche un ottimo piede con il quale riesce ad imbeccare in profondità gli attaccanti. BULLDOZZER
BELLUCCI 6 – Inizialmente fatica a prendere le misure agli attaccanti che si muovo molto e bene. In fase difensiva ha però acquisito una certa sicurezza e mestiere che non gli fa commette errori importanti. Bada come sempre più al sodo lasciando l’estetica ai compagni di squadra. Ultimamente si fa vedere in avanti più o meno con lo stesso ritmo con cui si accoppiano i Panda ma nel finale accompagna di più la squadra fornendo un valido appoggio alla manovra. A OUALCUNO PIACE CALVO
GATTO 6 – Per la seconda volta in stagione è costretto ad arretrare in difesa, ruolo che gli permette però di impostare e sfruttare con maggior calma le sue doti di regista. Insieme all’amico Orsolini forma una bella coppia di centrali, forse poco cattiva ma molto tecnica e veloce. Inizialmente si perdono spesso il veloce attaccante n. 11 avversario che scappa via tra le linee. Dopo il primo gol del G. Castello la difesa si sistema meglio anche se tendeva forse a rimanere troppo bassa per paura di essere presa di infilata. Nella seconda parte di gara lotta con grande coraggio ed insieme ad Orsolini diventano un passaggio livello sempre abbassato per gli avversari. CAPITANI CORAGGIOSI
ORSOLINI 6,5 – L’autogol che porta in vantaggio il G. Castello non macchia la sua prova, ancora una volta sopra le righe. Oltre ad essere estremamente duttile dimostra una grande intelligenza tattica ed un’ottima tecnica individuale. Tanti interventi puliti ed uscite palla al piede, un paio di volte anche di sombrero! THE MEXICAN
CICCHETTI 7 – Il gol nel finale è stato il premio di una prestazione in crescendo. Dopo un primo tempo bruttino, leggermente in affanno vista la bravura e la differenza di “peso specifico” degli avanti avversari si rifà con gli interessi nel secondo. Cresce di intensità accompagnando con sempre più insistenza la manovra in avanti. Nei minuti finale è assolutamente incontenibile andando prima vicino al gol e firmando subito dopo il gol del pareggio con un tiro sporco ma efficace. Pastarelle per Cicco che firma anche l’ultimo gol dell’anno solare della Lucky!!! ER MITRAGLIA
INGANNAMORTE 6 – Partita molto dura per gli esterni che hanno dovuto barcamenarsi anche in un continuo lavoro di ripiegamento. Per uno generoso come lui però si tratta di normale routine. Sbaglia ancora troppo la gestione del pallone nei momenti importanti. Vedi l’azione di contropiede al 70’ del secondo tempo con Nuccilli tutto solo in sovrapposizione lunga sulla sinistra, ma invece di servirlo cerca un tiro velleitario dalla trequarti. Non si risparmia mai e gioca mettendo in campo tutto quello che ha, nel bene e nel male. THE DEPARTED
TEMPESTA 6,5 – Al rientro in campo dopo la squalifica ci mette poco a far capire quanto sia importante per la squadra. E’ il giocatore d’esperienza che mancava l’anno scorso e che da equilibrio a tutta la squadra. Nei momenti difficili è sempre lui a mostrare la strada ai compagni con un semplice fallo o facendo girare con calma il pallone. Le doti di corsa e da incontrista oramai non fanno più notizia!!! THE PACEMAKER
NUCCILLI 6 – Inizialmente soffre da morire il ritmo imposto dai giovani avversari, tanto che sembra l’obelisco della rotatoria all’Eur… gli passano attorno a tutta velocità. Ancora troppe lacune in fase di interdizione (vedi le palle alte…) cerca di giocarsela con l’esperienza e i piedi buoni. Con il cambio di modulo dopo l’entrata di Lucky si abbassa davanti alla difesa riuscendo così ad iniziare a dettare i tempi ed i ritmi alla partita, con il fido Tempesta a girargli attorno come un cane da guardia. Da cineteca il lancio che pesca in area Anyanwu da solo ma l’arbitro interrompe tutto fischiando un fuorigioco inesistente. Peccato. Si fa vedere anche in avanti con un doppio scatto in profondità nel giro di pochi minuti. Torna con il respiratore a centrocampo ed il Mister capisce che è il momento del cambio. L’HOMBRE VERTICAL
Dal 80’ NULLI S.V. – Il Mister crede talmente tanto in Mauro che lo tiene sempre al primo posto in panchina accanto a lui. E’ infatti il cambio fisso della Lucky per cercare di cambiare ritmo alla partita. I minuti sono veramente pochi per fare qualcosa ma partecipa anche lui al bellissimo finale di partita con grinta e coraggio. HABANERO
GALANTE 6 – Nella prima mezz’ora è praticamente l’unico che riesce a creare rogne alla difesa avversaria, saltando sempre l’uomo. un paio di conclusioni da fuori area che sono però facile preda del portiere. Si fa male alla caviglia verso la mezz’ora quando, nel tentativo di proteggere un pallone, gli frana sul piede d’appoggio il centrale avversario (avrà fatto una piotta de peso) ed è costretto ad uscire. GHIACCIO E VOLTAREN
Dal 35’ ANYANWU 7 – Ci mette pochi minuti a capire come e dove muoversi. Diventa subito un problema per la difesa avversaria che inizia a soffrire i suoi movimenti, la sua velocità ed i continui tagli. Si cerca lo spazio con intelligenza ed i compagni lo cercano perché capiscono che è lui la chiave per sbloccare la partita. Ha il merito di siglare il gol del pareggio andando a pressare il portiere che sbaglia il passaggio, pallone rubato e palla in rete. Galvanizzato dal gol diventa a lunghi tratti impendibile, specialmente quando si riparte in contropiede. Dopo l’ottima prova casalinga conto il Velitrum un'altra prestazione importante!!! IL RISOLUTORE
SALATINO 6 – Per lui ogni partita è un campo di battaglia dove si deve lottare fino all’ultimo briciolo di forze che hai in corpo. Atleticamente non è sicuramente ancora al massimo ma sopperisce con la grinta e la cattiveria agonistica che non gli mancano mai. E’ utilissimo in fase difensiva dove fa pressing anche da solo, combatte e strappa tanti palloni. Fa rifiatare tante volte la difesa andando lui a fare fallo a centrocampo. In avanti avrà combinato poco ma è stato anche grazie a gente come lui che non abbiamo mollato fino alla fine. TIGER MAN
DI TOMMASO 6 – Gioca con il fisico per reggere la frizzantezza degli avversari. Inizialmente da attaccante combina poco ma quando viene spostato nei 3 di centrocampo la squadra guadagna peso specifico e soffre sicuramente meno il ritmo imposto dalla G. Castello. Nel finale di gara trasforma la rabbia per il furto del gol del 2-1 in pura tranche agonistica. Prima del gol del pareggio di Cicchetti è lui ad andare vicino al gol con un imperioso stacco di testa in area piccola. BERSERK
NON ENTRATI: CROCE, PAZIENZA.
FUORI DAL CAMPO 8 – La trasferta ed il sabato di shopping pre-natalizio non hanno bloccato la truppa Ingannamorte (mamma e sorella) che erano presente in tribuna, come sempre, a fare il tifo per noi. Nonostante fossero solamente in due si sono fatte sentire più dei numerosi tifosi accorsi a vedere la giovane compagine del G. Castello. Volevo ringraziare tutti per il sostegno avuto fino ad esso augurando a tutti un buon Natale e Felice Anno nuovo!!!

martedì 16 dicembre 2014

LUCKY JUNIOR - VELITRUM: 1-0

Il Pagellone del Bellugi


Seconda vittoria consecutiva che conferma il trend positivo di questo periodo e che, soprattutto, ci da morale per il proseguo del campionato. Dati alla mano è anche la prima partita che vinciamo senza subire gol. Il gioco visto in campo e l’intensità, soprattutto nel primo tempo, non sono stati di buon livello ed abbiamo faticato dannatamente a creare occasioni. Colpa dei troppi lanci lunghi e del poco movimento senza palla. Riusciamo comunque a creare due ottime occasioni con Ingannamorte e con Salatino che però non si concretizzano per poca cattiveria sotto porta. Nella seconda frazione di gara, come spesso ci accade, entriamo con un'altra marcia e sfioriamo quasi subito il gol sempre con Ingannamorte che però non è in giornata di grazia. I cambi hanno avuto un buon impatto sulla gara e l’ingresso in campo di Lucky Anyanwu e Silvestri fra tutti, aggiungono brio e solidità. La difesa avversaria, seppur attenta, inizia a faticare i continui tagli di Lucky e proprio nei minuti di recupero compiono l’errore “fatale” che cambia definitivamente storia alla gara. Palla lunga, il difensore, in anticipo, sbaglia intervento di testa e lancia Lucky verso la porta che viene atterrato in area di rigore. Rosso per il calciatore avversario e punizione dal limite. Gatto si incarica della battuta. Botta forte sul palo del portiere che non trattiene e Silvestri si avventa sul pallone insaccando da due passi. Minuti finali intensi e vibranti che non cambiano però il risultato, seppur con qualche rischio di troppo. Questa volta il risultato è stato dalla nostra parte ma abbiamo fatto un passo indietro dal punto di vista del gioco e soprattutto dell’intensità. Quindi questa settimana alleniamoci alla grande per affrontare al meglio l’ultima gara di campionato prima della sosta natalizia!!! DAJE LUCKY
TABELLINO: VIOLA 6,5 – BELLUCCI 6 – PAZIENZA 6 – DE LUCA 6 – ORSOLINI 6,5 – INGANNAMORTE 5,5 (dal 50’ ANYANWU 6,5) – NUCCILLI 6 (dal 75’ A. CATANZANI S.V.) – GATTO 6 – ARMENI 6 (dal 70’ NULLI 6) – SALATINO 5,5 (dal 70’ SILVESTRI 7) – GALANTE 6 (dal 91’ TERRIBILI S.V.). PANCHINA: DI MATTEO – CICCHETTI. ALLENATORE: MASSA
MARCATORI: 90’+1’ SILVESTRI.
AMMONITI: DE LUCA, GATTO, NUCCILLI, GALANTE, ANYANWU.
VIOLA 6,5 – Rientra in campo dopo la squalifica con carattere ed una concentrazione mai visti prima. Si sente la sua vociona riecheggiare nel campo a chiamare la difesa per tutto l’arco della partita. Perfetto nell’ordinaria amministrazione compie una bellissima parata nel secondo tempo su una bordata da fuori area diretta all’incrocio alla sua sinistra. L’UOMO COL MEGAFONO
BELLUCCI 6 – Difensivamente parlando ha fatto un’ottima partita, forse la migliore della stagione, ma quando si tratta di crossare inizia il tiro al piattello: due piccioni ed una cornacchia rimasti secchi. BRUCE HARPER
DE LUCA 6 – Che dire ancora del nostro Rocca. Anche senza la fascia da capitano al braccio rimane sempre lo scoglio a cui la squadra si avvinghia durante le mareggiate. Per dare una scossa, quando serve, prova a piazzare prepotenti uscite dall’area, testa alta e palla al piede, alla Cannavaro del mondiale 2006. Dire che sia importante non è un’esagerazione, perchè se non ci fosse bisognerebbe inventarlo. SICUREZZA
PAZIENZA 6 – La faccia e le maniere da bravo ragazzo della porta accanto nascondono invece doti di grande combattente. In campo, come un vero cane da guardia, non si vede e non si sente, ma quando serve è sempre pronto ad uscire ad azzannare e bloccare la sua preda, in modo indolore e senza lasciare traccia! E’ il nostro cacciatore di taglie silenzioso. THE BOUNTY KILLER
ORSOLINI 6,5 – Assoluto punto fermo della squadra. Dalla sua parte alza una muraglia e non si passa manco con le cannonate. Ora poi che la condizioni è ottimale si lancia con sempre più insistenza anche in avanti. Nel primo tempo prova anche la botta da fuori dopo una bellissima azione personale con la palla che sibila di poco al lato del palo alla sinistra del portiere. ZAMBROTTA
INGANNAMORTE 5,5 – Dopo 2 partite di alto livello e due gol, contro il Velitrum sente forse troppo la pressione del match vista la presenza della famiglia in tribuna. Il primo tempo se ne va tra un correre frenetico ed una palla gol divorata. Poi un secondo tempo in consueto calando dove si pappa la seconda occasione da gol di giornata… la prossima volta vieni già mangiato!!! PISTAMENTUCCIA
Dal 50’ ANYANWU 6,5 – Cambia il volto della gara aggiungendo profondità ed imprevedibilità alla squadra. Un demonio per gli avversari che ne soffrono dannatamente la sua dinamicità dimostrando, inoltre, anche un’ottima intelligenza nella gestione del pallone. Entra in diverse occasioni ma è decisivo nell’azione che porta nel finale all’espulsione del centrale del Velitrum e, soprattutto, al calcio di punizione del gol. Su un lancio lungo dalla difesa si getta in profondità, l’avversario sbaglia l’intervento e si invola verso la porta ma la momento di calciare viene steso al limite. PEPE NERO
NUCCILLI 6 – Questa volta molto meglio in fase difensiva che di costruzione del gioco. Da una grande mano alla difesa, dimostrando anche una discreta cattiveria agonistica che non gli avevamo mai visto fino ad ora. Tatticamente parlando senza “l’uomo d’ordine” Tempesta tende a pestarsi i piedi con il compagno di reparto Gatto, lasciando spazio agli avversari. Una volta prese le misure ed un the caldo negli spogliatoi le cose vanno meglio e nel secondo tempo (come sempre…) il centrocampo ingrana la marcia giusta. CASELLO AUTOSTRADALE
Dal 75’ A. CATANZANI S.V. – Il processo di metamorfosi da attaccante a centrocampista è quasi completato ed il Mister si affida proprio a lui per cercare di scardinare il fortino del Velitrum. Gioca un buon quarto d’ora senza strafare anche se tatticamente è ancora troppo “esuberante”. Ha dalla sua una buona esperienza ed una rabbia agonistica, che, se ben convogliata (il DNA Catanzani lo conosciamo tutti!!!) può fare la differenza a questi livelli. PIERINO
GATTO 6 – Condivide con Nuccili, seppur con caratteristiche differenti, l’anima del regista. Come detto tendono a “sovrapporsi” con gli stessi movimenti seguendo più la palla che il movimento del compagno. Tutto sommato, però, non demerita giocando una buona partita, affinando col passare dei minuti il feeling con il compagno di reparto. Tira forte ed angolata la punizione nel finale che il portiere non trattiene e permette a Silvestri di insaccare facilmente il gol vittoria. PREZZEMOLINO
ARMENI 6 – Più sostanza che qualità. Non si vede molto anche se lotta come un leone su ogni pallone, spesso trovandosi in mezzo a due, tre avversari. L’asse Orsolini-Armeni-Galante funziona abbastanza bene e dalla parte sinistra nascono le azioni più pericolose della Lucky. PRATICO
Dal 70’ NULLI 6 – Consueto cambio del Mister che ha cercato, con le squadre più stanche, di mettere dentro uno estroso e bravo nel procurarsi occasioni da gol come Mauro. In tandem con Silvestri fornisce una maggiore ariosità alla manovra che si era improvvisamente ristagnata in troppi lanci lunghi. IL PAGURO
SALATINO 5,5 – La condizione non è delle migliori e purtroppo fatica a trovare spazio tra i ruvidi ed esperti difensori avversari. Ben servito su azione di contropiede si incunea in area di rigore tra le linee, ma sbaglia il passaggio decisivo in mezzo per l’accorrente Ingannamorte. Cerca di lottare come sempre ma le gambe ancora non girano come vorrebbe. MACCHINOSO
Dal 70’ SILVESTRI 7 – Il suo ingresso in campo è stato quasi una manna per la squadra che da qualche minuto faticava non poco a tenere alto il pallone. Si fa vedere spesso libero tra le linee venendo anche a prendersi palla a ridosso dei difensori se occorre. Risolve la partita con un gol da vero opportunista facendosi trovare nel posto giusto al momento giusto al momento della ribattuta del portiere. Primo gol in campionato per lui e quindi…. Pastarelle!!! PENNELLONE STILOGRAFICO
GALANTE 6 – La Lucky produce poche palle gol in una giornata in cui anche i suoi uomini gol non sembrano ispirati. Ramiro è, se non altro, il più lucido li in avanti propiziando tante iniziative, segnate come sempre dal suo marchio di fabbrica: dribbling secchi e ubriacanti. Nel secondo tempo viene spostato sulla fascia destra ed i compiti difensivi forse lo imbrigliano mentalmente e sembra meno lucido, anche se salta sempre con grande facilità l’uomo. Una buona partita, sicuramente, ma ultimamente eravamo abituati a cose straordinarie per cui rimane un pò l’amaro in bocca! ORNAMENTALE
Dal 91’ TERRIBILI S.V. – Entra dopo il gol del vantaggio per dare maggior peso e “centrimetri” al reparto difensivo. FUORI MISURA
NON ENTRATI: DI MATTEOCICCHETTI.
FUORI DAL CAMPO – Considerata la vicinanza di Velletri sugli spalti c’è stata una buona affluenza di pubblico. Presenti anche i nostri sostenitori che si sono fatti sentire: fra tutti le “Ingannamortine” e il solito mitico Croce! Peccato per le tensioni nel finale a ridosso degli spogliatoi che per fortuna non sono sfociate in risse ma solo in un grande abbaiare. THE BEST SUPPORTERS!!!

martedì 9 dicembre 2014

LUCKY JUNIOR - CARCHITTI: 5-1

LUCKY JUNIOR - CARCHITTI: 5-1
Il Pagellone del Bellugi
Finalmente sfatiamo il tabù del nostro campo che segnava ancora “0” alla casella delle vittorie casalinghe. Un punteggio netto e rotondo che sicuramente ci da una marcia in più in vista delle due prossime ostiche partite esterne prima della sosta natalizia contro il Velitrium ed il G. Castello. I primi 10/15 minuti sono stati bruttini, quasi di studio, nei quali abbiamo cercato, con poca efficiacia, di prendere in mano la situazione. Con il rigore (trasformato da Armeni) e l’espulsione abbiamo preso maggiore sicurezza e tranquillità e da li in poi la partita è stata abbastanza in discesa. La sensazione che si avvertiva, comunque, era quella che avremmo comunque vinto anche in 11 contro 11. Quando siamo usciti dallo spogliatoio si sentiva nell’aria il profumo della vittoria, ne ero sicuro. Mi era bastato guardare in faccia i miei compagni, soprattutto il capitano (Di Tommaso). Tornando alla partita raddoppiamo poco dopo, sempre con Armeni, abile ad insaccare da posizione molto defilata un lancio perfetto di Nuccilli. La prima parte di gara finisce 2-0, non senza brividi (grande parata di Fortini). Rientriamo come sempre molto carichi in campo e mettiamo fine alle velleità avversarie siglando il gol della sicurezza con Ingannamorte, bravo a raccogliere di testa un assist d’oro di Galante. Gli avversari finiscono addirittura in 9 per un'altra espulsione (fallo di mano da ultimo uomo) ma riescono ad accorciare con un gran tiro della trequarti che si insacca all’incrocio alla destra di un colpevole Fortini, posizionato troppo fuori dai pali. I gol di Fabber (bentornato!!!) e Galante fissano il risultato finale sul 5-1. La strada imboccata è quella giusta, ora non montiamoci la testa e usiamo questa vittoria per allenarci con maggiore voglia ed intensità di come stiamo già facendo in queste settimane! I risultati sono la conseguenza del nostro lavoro!!! DAJE LUCKY
TABELLINO: FORTINI 6,5 – ORSOLINI 6,5 – TERRIBILI 6,5 – PAZIENZA 6 – BELLUCCI 6 (dal 65’ DE LUCA 6)  – INGANNAMORTE 7 (dal 60’ ANYANWU 6) – TEMPESTA 6,5 (dal 75’ MONDERNA S.V.) – NUCCILLI 7 (dal 70’ FABBER 7) – ARMENI 7,5 (dal 70’ SALATIVO S.V.) – DI TOMMASO 7 – GALANTE 7,5. ALLENATORE: MASSA
MARCATORI: ARMENI (R), ARMENI, INGANNAMORTE, FABBER, GALANTE.
AMMONITI: PAZIENZA, BELLUCCI, TEMPESTA, ANYANWU.
FORTINI 6,5 – Chiamato a rimettersi i guantoni a causa dell’improvviso forfait di Fabione Di Matteo, conferma ancora una volta le sue grandi doti in mezzo ai pali. Da ricordare la splendida parata nel primo tempo su un tiro velenoso da fuori che scendeva minaccioso sotto la traversa. Peccato per l’errore di posizionamento in occasione del gol del Carchitti, dove si fa trovare troppo avanti. LA FORTEZZA VOLANTE
ORSOLINI 6,5 – Ennesima prova magistrale. Non commette errori e questa volta si diverte anche in qualche galoppata in avanti. Una sicurezza. ASSEGNO CIRCOLARE
TERRIBILI 6,5 – Si era allenato benissimo e la partita è stata solamente la prosecuzione dell’ottimo lavoro svolto durante la settimana. Sempre attento e puntuale negli interventi non si lascia andare neanche ai suoi temuti isterismi. BARRACUDA
PAZIENZA 6 – Meno concentrato e sicuro del solito, si perde ogni tanto di vista la linea difensiva portando troppo “dentro” gli attaccanti. Le cose però si mettono subito bene per la squadra e non ha troppo lavoro. D’ARTAGNAN
BELLUCCI 6 – Copre bene la fascia di competenza non soffrendo particolarmente gli avanti del Carchitti che venivano imbeccati con lancioni dalla mediana. Nel secondo tempo ha più spazio e si fa vedere con più insistenza in avanti senza riuscire però a trovare la via della porta. Da migliorare la fase di possesso palla dove sbaglia qualche passaggio di troppo. MONOROTAIA
Dal 65’ DE LUCA 6 – Entra in campo dopo l’infortunio che lo ha tenuto fuori un paio di settimane nel ruolo della sua “giovinezza”, quello che forse ama di più. Tanto incitamento del pubblico che lo spronava a farsi vedere in avanti per cercare il gol. Con il Carchitti ridotto in 9 deve fare veramente il minimo indispensabile. RITORNO AL FUTURO
INGANNAMORTE 7 – Il lavoro paga. Non salta un allenamento da quando giocava coi pulcini ed in campo si vede. Attacca sempre lo spazio, giocando con tanta generosità, intensità e soprattutto migliorando tatticamente di partita in partita. Nel primo tempo si mangia un gol clamoroso mandando alle stelle davanti al portiere. Si rifà nel secondo tempo: giocata incredibile di Galante sulla fascia sinistra che salta due uomini, cross dentro, Daniele anticipa sul tempo il marcatore ed insacca di testa. JOSE MARIA DANIEJON
Dal 60’ ANYANWU 6 – Tanta voglia di fare ma ancora poca freddezza negli ultimi 15 metri. Dopo neanche trenta secondi ha subito la grande occasione a tu per tu con il portiere ma gli spara incredibilmente addosso. Neanche il tempo di rifiatare che ha un altra occasione al limite dell’area, con il portiere già a terra, ma tira alla sinistra del palo. Quando parte in velocità è sempre un problema per gli avversari. SBULLONATO
TEMPESTA 6,5 – Trottolino instancabile del centrocampo. E’ il suo grande lavoro oscuro che da equilibrio a tutta la squadra nonostante qualche passaggio sbagliato di troppo. Si completa benissimo con il compare Nuccilli: uno trebbia e l’altro semina. Peccato per l’ammonizione, proprio prima della sostituzione, che fa scattare la squalifica. SCHIACCIANOCI
Dal 75’ MONDERNA S.V. – Piazzato nell’inedito ruolo di mediano a sinistra si fa trovare pronto e fornisce addirittura l’assist a Fabber per il gol. MACCHERONE
NUCCILLI 7 – Il piede è caldo e tesse le trame del gioco della Lucky, sfornando assist a ripetizione. Suo il passaggio del raddoppio di Armeni ed è sempre lui ad iniziare l’azione del terzo gol con un lancio millimetrico per l’inserimento di Galante. Da migliorare ancora la fase di interdizione ancora un po’ troppo “moscia” ma a fare la guardia al fortino ci pensa Tempesta, per cui questa volta può dormire sonni tranquilli. ARACNE
Dal 70’ FABBER 7 – Dopo i “botti” nello spogliatoio di martedì scorso debutta in campionato con i fuochi d’artificio. Segna il gol del 4-0 e fornisce anche l’assist per la rete finale di Galante. In campo si è rivisto il solito lottatore, pronto a gettarsi su ogni pallone con grinta e cattiveria agonistica. CINGHIALOTTO
ARMENI 7,5 – Risponde alle polemiche della “stampa” con una prestazione maiuscola. Sblocca la partita siglando con freddezza il rigore dell’1-0 ed insaccando da posizione quasi impossibile il raddoppio. Condisce il tutto con una spolverata di ottime giocate. ZUCCHERO FILATO
Dal 70’ SALATINO S.V. – L’uomo della pioggia è tornato! Dopo l’infortunio patito proprio a fine preparazione non è ancora al massimo della condizione e non trova occasioni per mettersi in luce, magari con un gol che avrebbe fatto morale. Il suo spirito battagliero sarà sicuramente utile nelle prossime partite. IL RITORNO DELLO JEDI
DI TOMMASO 7 – La fascia da capitano sembra dargli una spinta in più. Concentrato ed attento svolge alla perfezione il lavoro che il Mister gli ha chiesto. Si procura il rigore del vantaggio inserendosi perfettamente in area a raccogliere il cioccolatino del compagno di reparto. Peccato solo per il gol che non è arrivato ma che non cancella la bellissima prestazione. OCCHI DI FUOCO
GALANTE 7,5 – Partita sublime. Un assist, un gol e tanto, tanto altro. Fa venire il  mal di testa almeno tre quarti della difesa avversaria che non sanno veramente più che pesci prendere. Entra nell’azione del calcio di rigore dell’1-0 con una perfetta sponda di testa per Di Tommaso che, se non fosse stato atterrato, si sarebbe trovato solo davanti al portiere. Suo il cross per la testa di Ingannamorte del terzo gol con una giocata brasileira sulla fascia sinistra. Gli mancava solamente il gol, che arriva proprio nel finale: palla dentro di Fabber, finta e controfinta in area che manda alle ortiche due difensori e piazzato preciso alle spalle del portiere…come disse Altafini una volta in telecronaca… QUESTO NON E’ MIELE… E’ MARMELLATA!!!
FUORI DAL CAMPO 8 – Nonostante la pioggia ed il freddo i nostri amici, tifosi e compagni ci seguono sempre, sostenendoci! Un grazie speciale alla sorella del nostro Ingannamorte che ci ha fatto anche qualche foto!!! In bocca al lupo a Fabrizio Croce che si sentiva dagli spalti e che speriamo di rivedere quanto prima in campo a lottare insieme a noi. LUCKY!!! LUCKY!!! LUCKY!!!

IL VIDEO DEL RIGORE DI ARMENI!!

martedì 2 dicembre 2014

DIANA CYNTHIA - LUCKY JUNIOR: 2-1

Il Pagellone del Bellugi
Mettendo da parte l’arbitraggio a dir poco scandaloso (per la cronaca l’arbitro ci ha detto chiaramente di essere amico della maggior parte degli avversari…) abbiamo ancora una volta regalato un tempo. Un prima parte di gara brutta, giocata male e sulle ali del nervosismo generato dal comportamento della giacchetta nera. Prendiamo il primo gol dopo appena 5 minuti con un tiro preciso a filo d’erba che si insacca all’angolino basso alla sinistra di Fabio. Poco dopo perdiamo Gatto per espulsione ed il raddoppio è questione di pochi minuti. Cross teso dalla trequarti, l’attaccante avversario raccoglie di testa in area piccola ed insacca proprio nel sette sempre alla sinistra di Fabio. In entrambi i casi concediamo troppo spazio agli avversari, lasciandogli fare praticamente quello che volevano. Abbiamo sempre bisogno di qualcuno che accenda in noi la miccia e nel secondo tempo rientriamo più carichi e grintosi, prendendo sin da subito in mano le redini del gioco. I cambi, stavolta, hanno giovato alla squadra dando maggior brio, freschezza ed imprevedibilità alla manovra. Rischiamo pochissimo in difesa andando più volte vicini al gol (Cicchetti e Nulli) ma riusciamo a centrare il bersaglio solamente nei minuti di recupero, grazie ad uno splendido gol di Lucky Anyanwu, al debutto in campionato.
TABELLINO: DI MATTEO 6 – ORSOLINI 6 – GATTO S.V. – PAZIENZA 6 – BELLUCCI 6  – INGANNAMORTE 5,5  (dal 65’ NULLI 6,5) – TEMPESTA 6 – NUCCILLI 6 – ARMENI 5,5 (dal 55’ SILVESTRI 6,5) – FORTINI 5,5 (dal 46’ CICCHETTI 6,5) – GALANTE S.V. (dal 30’ ANYANWU 6,5). PANCHINA: CROCE - ALLENATORE: MASSA
MARCATORI: ANYANWU
AMMONITI: GALANTE
ESPULSI: GATTO
DI MATTEO 6 – Sui due gol può fare veramente poco ma per il resto gioca una buona gara, questa volta con la testa sulle spalle. Sicuro nelle prese chiama continuamente le marcature aiutando molto la linea difensiva a reggere l’urto dell’inferiorità numerica. Si infortuna anche alla spalla destra, già malandata, ma rimane in campo fino alla fine. GRAN SASSO
ORSOLINI 6 – Con l’espulsione lampo di Gatto si sposta al centro della difesa. Sul gol del raddoppio del Cynthia poteva fare qualcosa in più visto che l’attaccante riesce a saltare senza troppi problemi. Non sembra ancora in condizione, soprattutto nei primi passi, dove viene spesso bruciato. Nella seconda frazione di gara amministra la difesa con diligenza anche se dovrebbe metterci un pizzico in più di personalità per guidarla. BONERA
GATTO S.V. – Neanche il tempo di riprendersi dal gol a freddo che viene espulso. Rosso diretto che a norma di regolamento forse c’è, ma troppo fiscale considerato il comportamento arbitrale durante tutto l’arco della partita. Squalificato e scomunicato dal Vescovo di Albano. CHIRI-CAT
PAZIENZA 6 – Un passo indietro rispetto alle altre partite ma pur sempre una sicurezza. L’inizio di gara per la Lucky è da film horror ma rimane uno dei pochi a non perdere il controllo, senza farsi prendere da isterismi. Secondo tempo praticamente perfetto. TORERO CAMOMILLO
BELLUCCI 6 – Con la fascia da capitano al braccio dopo l’espulsione di Gatto gioca una partita ordinata con pochissimi errori, mettendoci grinta dall’inizio alla fine. Questa volta le gambe girano bene sin da subito e non soffre particolarmente il piccolo e rapido esterno avversario. Bada per lo più alla fase difensiva regalando un paio di discese nel secondo tempo. SICURO
INGANNAMORTE 5,5 – Fornisce un buon apporto in fase di non possesso palla, preoccupandosi molto di dar man forte a Bellucci sulla corsia di destra. Deve fare spesso l’elastico per dare copertura anche in mezzo, cosa che gli fa perdere tante energie fisiche e mentali. Riesce a combinare, per questo, poco in avanti, mettendoci anche del suo con errori nel palleggio. LAVORATORE IN NERO
dal 65’ NULLI 6,5 – Svaria da sinistra a destra quasi da trequartista creando scompiglio negli avversari che ci mettono parecchio a trovare le misure. Entra in tante azioni, prende fallo e va vicinissimo al gol con un bel destro da fuori. E’ come sempre l’uomo in più per i secondi tempi! ASSO NELLA MANICA
TEMPESTA 6 – Partita dai due volti. Un primo tempo nervoso e disattento nel quale è proprio lui a concedere troppo spazio all’avversario nell’occasione del primo gol, che ha tutto il tempo di prendere la mira e beffare il nostro portierone. Spostato terzino a sinistra, con la squadra in dieci, fatica maledettamente a reggere il passo dell’esterno, che lo manda spesso fuori giri. Nel secondo tempo è l’espressione più raffinata dell’umiltà applicata al calcio: sa che deve correre e non si risparmia. Da una parte all’altre del campo senza sosta. LAZZARO
NUCCILLI 6 – Ha la forza temperamentale e fisica per tenere testa ai duelli e per esaltarsi nello stretto ma nella prima parte di gara ha giocato sottoritmo. Nella seconda frazione, come tutta la squadra, entra con un altro piglio, si posiziona istintivamente da play basso e le cose girano decisamente molto meglio. I compagni lo cercano con più insistenza e la squadra va che è una meraviglia. L’UOMO CHE FISSA LE CAPRE
ARMENI 5,5 – Una partita scialba dal punto di vista dell’intensità e del ritmo. Cerca di destreggiarsi con giocate eleganti ma lo raddoppiano praticamente sempre e perde qualche pallone di troppo. Ancora lontano dagli standard visti l’anno scorso. GIMMY GRIMBLE
dal 55’ SILVESTRI 6,5 – Al rientro dopo la squalifica la squadra ne trova subito giovamento. Il primo tiro in porta del secondo tempo è proprio il suo e, seppur innocuo, ha fatto capire a tutti che ce la potevamo fare. Diventa il punto di riferimento in avanti sia nelle giocate strette che, soprattutto, nei palloni alti, dove riesce a farla da padrone. Prende diversi falli sulla trequarti che danno l’opportunità alla squadra di rifiatare ma soprattutto di creare occasioni pericolose da palla inattiva. SYLVESTER STAMPELLONE
FORTINI 5,5 – Lotta con il fisico cercando di giocare di sponda per i compagni ma gli stanno sempre addosso in due e purtroppo per lui c’è poco da fare. Nei primi minuti insieme a Galante è riuscito anche a costruire qualche buona azione ma poi, con la squadra in inferiorità numerica, spostato da esterno a sinistra, ha faticato molto a reggere il passo. MUJAHIDIN
dal 46’ CICCHETTI 6,5 – Riesce a mettere brio e dinamismo sulla fascia sinistra, dove si lancia sempre a grande velocità a supporto della manovra. Tanta corsa ma soprattutto stavolta anche tanta cattiveria agonistica. Va vicinissimo al gol con un bel tiro dal limite sinistra dell’area di rigore che chiama il portiere ad una parata spettacolare. BRIO BLU CROCCHETTA
GALANTE S.V. – Aveva iniziato bene, sulla falsa riga delle scorse partite, ma questa volta si fa prendere dal nervosismo beccando un’ammonizione per proteste. L’arbitro minaccia di cacciarlo più volte ed il Mister decide di sostituirlo per sicurezza. RIFUGIATO POLITICO
dal 30’ ANYANWU 6,5 – Bagna il debutto con il gol che arriva però solamente nei minuti di recupero. Tatticamente non è ancora molto diligente ma con la sua velocità è riuscito a dare maggiore profondità alla manovra. Sarà sicuramente una freccia importante nell’arco di Mister Massa per le prossime partite. OBA OBA
NON ENTRATI: CROCE.
FUORI DAL CAMPO 8: Nonostante un tempo da lupi ci hanno seguito e sostenuto tanti amici e compagni di squadra. Vorrei ricordare tra i tanti il nostro ex Danielone Tranquilli che ha aiutato Fabione da dietro la porta, Adriano Catanzani, Bellucci & Nuccilli Fathers e l’immancabile truppa Ingannamorte! Grazie come sempre e FORZA LUCKY!!!

martedì 25 novembre 2014

LUCKY JUNIOR - REAL MONTEFORTINO: 2-2

Il Pagellone del Bellugi
Un pareggio interno che ci lascia più di qualche recriminazione, considerato quanto fatto vedere in campo. A parte la fortuna che non gira mai dalla nostra parte (vedi i due legni colpiti da Armeni e Galante) ci manca sempre quel pizzico di esperienza e di malizia nel gestire le situazioni e, soprattutto, nel capire quando è il momento di chiudere le partite. Nonostante il dominio territoriale e sprazzi di buon gioco finiamo il primo tempo in svantaggio per 1-0 grazie ad un “infortunio” del nostro Fabione che liscia la presa su un calcio d’angolo, tirato molto bene, verso lo specchio della porta. Il secondo tempo è praticamente un  monologo Lucky e riusciamo a ribaltare la situazione nel giro di cinque minuti con Di Tommaso su rigore e con Ingannamorte, bravo a sfruttare una corta respinta del portiere su una bella punizione dal limite di Gatto. Quando la partita sembrava essere totalmente a nostro favore iniziamo ad avere il braccino corto ed a commettere qualche fallo di troppo nei pressi dell’area di rigore. Proprio da una punizione dal limite prendiamo il pareggio con un Di Matteo ancora non proprio irreprensibile. Allo scadere rischiamo addirittura la beffa ma stavolta il nostro portierone compie una grandissima parata su un colpo di testa ravvicinato diretto all’angolino basso alla sua sinistra. La strada imboccata sembra quella giusta, per cui non molliamo e sotto con la prossima!!! DAJE LUCKY
TABELLINO: DI MATTEO 5 – ORSOLINI 6 (dal 94’ BELLUCCI S.V.)  – DE LUCA 6,5 (dal 75’ CATANZANI A. S.V.) – PAZIENZA 7 – CROCE 6 (dal 60’ TERRIBILI 5,5) – INGANNAMORTE 7 (dal 65’ CICCHETTI 5,5) – TEMPESTA 6 – GATTO 6 – ARMENI 5,5 (dal 55’ NULLI 5,5) – DI TOMMASO 6,5 – GALANTE 6,5. PANCHINA: CINQUE – FORTINI. ALLENATORE: MASSA
MARCATORI: INGANNAMORTE, DI TOMMASO (R).
AMMONITI: DE LUCA, DI TOMMASO, TEMPESTA.
DI MATTEO 5 – La quaglia sul gol dell’1-0 era di quelle che si vedevano a Mai Dire Gol, tanto che dopo che ha chiamato “Miaaaa!!” dalle tribune si è alzato un “A Buciardoooooo”. La palla gli passa praticamente tra le mani e si insacca alle sue spalle. Una vera doccia fredda per la squadra visto che stavamo dominando la partita. Il secondo gol preso è da condividere con Luciardone che commette un fallo inutile al limite e lui ci mette del suo prendendo gol sul proprio palo. Il tiro era si abbastanza forte ma scagliato a mezza altezza dalla sua parte. Ha un gran carattere e si riscatta nel finale di partita togliendo dall’angolino basso alla sua sinistra un colpo di testa a botta sicura, salvando quantomeno il pareggio. DON MATTEO
ORSOLINI 6 – Partita senza infamia e senza lode. Un classico “il ragazzo è bravo ma non si applica". La condizione atletica non è delle migliori e gli basta fare il minimo indispensabile per passare un pomeriggio tranquillo, concedendosi anche qualche errore di troppo nei passaggi. SCOLASTICO
Dal 94’ BELLUCCI S.V. – Giusto il tempo di entrare in campo per ricevere l'ovazione degli amici del centro anziani. REPERTO ARCHEOLOGICO
DE LUCA 6,5 – Prende una brutta gomitata che gli “apre” la palpebra dell’occhio destro ma continua la partita con una vistosa fasciatura. La botta gli mette ancora più carica e si diletta anche in uscite palla al piede degne del mitico Pluto Aldair. La sfiga lo perseguita e si infortuna pure alla coscia. Prova a continuare ma stavolta è costretto ad uscire. MASSIMO DECIMO MERIDIO
Dal 75’ CATANZANI A. S.V. - Tornato appena in tempo da Amsterdam con due buste di Lemon Haze speravamo potesse avere una marcia più. Lezioso e indolente non riesce praticamente ad entrare in partita. THE BULLDOG COFFEE SHOP
PAZIENZA 7 – Ha passato l’estate da Re Caio ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti: ogni partita va sempre meglio. Non solo dal punto di vista atletico ma soprattutto da quello tattico e nella lettura delle situazioni. Gioca con una calma olimpica non commettendo quasi mai fallo. Stupenda la scivolata nel finale di gara a ribattere un tiro rasoterra dal limite. SUPER SAYAN
CROCE 6 – Non sarà elegante e bello a vedersi ma cavoli se sà essere efficace! Tiene bene la linea e soprattutto non concede spazi agli avversari che, vista la mole, pensavano di poterlo passarlo con facilità. Nonostante le sue qualità da “trequartista” questa volta sbaglia troppo con passaggi indirizzati nella terra di nessuno. Dopo la sostituzione rimane fino alla fine a sostenere la squadra. DUMBO
Dal 60’ TERRIBILI 5,5 – Da terzino destro prima e centrale poi, con l’uscita di Rocca, non si cala a dovere nel momento della partita. Ci mette troppa irruenza nelle entrate, facendo spesso fallo, come quello che poi porta al gol del pareggio. Nervoso si immerge in proteste inutili perdendo tempo e rischiando la sanzione. IRREQUIETO
INGANNAMORTE 7 – Si procura il calcio di rigore del pareggio con una bella azione personale e sigla da vero opportunista la rete del vantaggio. Se ci metti pure la consueta generosità e voglia di fare, ha giocato veramente un’ottima partita. Inizia a comprendere meglio il ruolo di esterno che, viste le sue qualità atletiche, credo gli calzi a pennello. Esce stremato dopo il gol per lo scatto fatto per esultare! MARTELLO
Dal 65’ CICCHETTI 5,5 – Oramai si sente terzino e sgobba sulla fascia risultando utile per lo più in fase difensiva. Dalla sua parte, infatti, si poteva affondare con più facilità ma non coglie l’opportunità e crea veramente poco. A fine partita Nicola Cinque gli manda una foto della palla su Whatsapp per fargli vedere com’era fatta. LOST IN THE SPACE
TEMPESTA 6 – La nostra mini-lavatrice di centrocampo pulisce e centrifuga un sacco di palloni. Corre tantissimo e finchè gli regge la pompa il centrocampo non soffre particolarmente gli avversari. Nell’ultima mezz’ora cala vistosamente e cerca di rimediare con l’esperienza. Becca anche la terza ammonizione che lo porta in diffida. LAVANDERIA A GETTONI
GATTO 6 – Il giovine capitano della Lucky inizia col freno a mano tirato giostrando la manovra con passaggi troppo complicati. Dopo qualche strigliata del Mister ritorna nei ranghi ed inizia a giocare con più semplicità e, soprattutto, nel secondo tempo la squadra gira meglio. Ottimo il suo calcio di punizione che costringe alla ribattuta corta il portiere avversario e porta al facile tap-in di Ingannamorte. APPRENDISTA STREGONE
ARMENI 5,5 – Direttamente dalle piscine dello Zoomarine entra in modalità foca e cerca continuamente sombreri e buste che si perdono nelle zolle dissestate del campo di Ariccia. Gli avversari lo capiscono in fretta e riescono ad addomesticarlo con qualche sardina. E’ forse il giocatore con più tecnica della squadra ma deve capire quando, come e dove valorizzare le sue potenzialità. Aiuta anche poco la squadra in avanti accompagnando di rado la manovra. Da ricordare, nel primo tempo, la splendida esecuzione su calcio di punizione che centra in pieno il palo alla sinistra del portiere. THE SEA-DOG
Dal 55’ NULLI 5,5 – Un buon impatto sulla gara anche se tatticamente, nel ruolo di esterno, si dimentica con troppa facilità dei compiti difensivi, lasciando così scoperta la corsia destra, dove gli avversari si infilavano con insistenza. PINGU
DI TOMMASO 6,5 – Il nostro bomber si sblocca finalmente alla sesta partita. Con Gatto pronto a battere il calcio di rigore si prende lui la responsabilità del tiro e con freddezza insacca il gol del pareggio. Palla da una parte e portiere dall’altra. IL RISVEGLIO DEL BOMBER
GALANTE 6,5 – Il Quaresma di Villa Doria si carica la squadra sulle spalle e per buona parte del primo tempo fa venire lo strabismo a diversi difensori avversari. Prende tanti calci e soprattutto falli che fanno rifiatare la squadra ma sorpattutto, grazie alla buona vena dei nostri tiratori scelti, sono sempre fonte di pericolo per la difesa ospite. Di contro, però, si incaponisce in azioni personali anche quando c’era la possibilità di uno scarico facile facile, ma questo è il marchio di fabbrica di Ramiro: prendere o lasciare! Nel finale di partita coglie una clamorosa traversa, dal limite dell’area di rigore, con uno splendido lob “tennistico” che aveva già fatto gridare tutti al gol! Che sfiga! JELLATO
 NON ENTRATI: CINQUE, FORTINI.
FUORI DAL CAMPO 10: Anche questa volta ci hanno seguito e sostenuto dalla tribuna tanti amici, compagni e parenti in tribuna con la squadra che questa volta ha cercato di meritarsi il loro supporto. Speriamo che la prossima in casa sia quella buona per festeggiare tutti  insieme la prima vittoria interna. Un grazie speciale ai genitori del nostro mitico guardalinee Marco Ranelletti che ci hanno omaggiato di due ottime crostate fatte in casa per il dopo gara!!! THANKYOU THOUSAND

mercoledì 19 novembre 2014

SPORTING COLLEFERRO - LUCKY JUNIOR: 1-3

Il Pagellone del Lucone
Il taboo dei primi tre punti è stato sfatato grazie alla vittoria collettiva di domenica, contro uno Sporting Colleferro quasi mai all'altezza dell'avversario. Una partita più semplice del previsto, ma che dopo il primo tempo aveva creato qualche preoccupazione di troppo. Nella seconda frazione di gioco, Lucky in scioltezza in campo aperto e proprio nella ripresa infatti arrivano le segnature di Ingannamorte e Galante (2). Un piccolo passo avanti che deve alimentare le nostre ambizioni e farci prendere coscenza delle nostre possibilità, a volte sottovalutate, altre oltremodo sopravvalutate.
Uniti ripartiamo sabato in casa, con la convinzione che solo con la continuità potremmo davvero ad aspirare a qualcosa di più che un anonimo campionato di media-bassa classifica.
DI MATTEO 7 - Merita un voto alto anche se poco impegnato poichè spegne sul nascere il tentativo di rimonta degli avversari, che sull' 1 a 0, trovano un muro sulla loro strada a impedirgli da 2 metri di trovare il facile tap-in. Sette in pagella dovuto anche al fatto che per lui è stato un "esordio" nel ruolo più difficile da gestire per qualsiasi calciatore. Perfetto sui rinvii, deve lavorare e migliorare anche le uscite alte per raggiungere un ottimo livello. PROMOSSO
CICCHETTI 6 - Buono nell'arco della partita in generale, meno se si esamina episodio per episodio. A volte sembra insicuro e si perde in un bicchier d'acqua. Ancora deve trovare la tranquillità per giocare nel ruolo che il mister gli sta facendo stabilmente ricoprire quest'anno. SBADATO
CROCE  6+ - Non è in perfetta forma fisica, e per capirlo non serve un guru dell'anatomia, ma su quella fascia non fa mai mancare la sua presenza, sia fisica che mentale. A volte perde l'avversario in maniera un pò goffa, ma partita dopo partita speriamo che riesca a guadagnare in lucidità. Dispensa sempre molti consigli e sui calci d'angolo è un piacere averlo a stretto contatto per non perdersi nemmeno un secondo del suo personalissimo show. ONE MAN SHOW
PAZIENZA 7 - Baluardo della difesa, chi lo avrebbe detto 1 anno e mezzo fa, non salta una partita e sbaglia giusto il necessario. Sparecchia quando c'è da sparecchiare e non si perde in spiacevoli ricamini da tessitore. Di testa da buona sicurezza ed è sempre molto attento in ogni situazione. L'avversario non era certo dei più intimidatori, ma poteva comunque destare qualche fastidio. SUL PEZZO
GATTO 6,5 - Ottima prova al centro della difesa, belle uscite palla al piede e soprattutto da ricordare un bel colpo di tacco al volo nella propria area che toglie il fiato sul collo degli avversari. Prende parecchi falli e offre una prestazione di grande sicurezza. MICIO
TEMPESTA 6.5 - Corre tantissimo e fa una grandissima mole di lavoro al centro del campo. Educato e diligente anche quando va a colloquio con l'arbitro. A fine primo tempo richiama il gruppo a tenere alto il livello di concentrazione. Nel complesso pochi errori e qualche bel fallaccio che non manca mai per l'ingegnere della Lucky. DISCIPLINATO
ARMENI 6+ - Non ancora al top, ma su questi campi si vede notevolmente la differenza rispetto alle partite casalinghe. Sciolina lanci in profondità come fosse il quarterback di una squadra di football al Super Bowl. Deve migliorare sulla tenuta mentale, visto che rischia più volte l'ammonizione per falli stupidi e atteggiamenti da bambino dispettoso delle favelas. CAPRICCIOSO
NUCCILLI 7- Non è al meglio della forma nemmeno lui, ma a differenza del terzinaccio Crox,ha dalla sua un piedino niente male che per due volte mette in porta Ramiro che ringrazia e depone in rete. Compassato come il miglior Pizarro, cerca di far girare sempre palla e di creare geometrie in mezzo al campo. Come incontrista deve ancora lavorare, ma come regista ha una marcia in più. Fondamentale anche il suo apporto di vista mentale, sempre pronto a placare gli animi. PEC
INGANNAMORTE 7 - Ha il grandissimo merito di aprire la strada per l'importantissima vittoria della Lucky. E' suo infatti il gol che apre le marcature e che da lo slancio agli ospiti per portare a casa i tre punti. Davanti al "proprio" pubblico non poteva proprio sbagliare infatti non l'ha fatto. Sempre presente agli allenamenti, sta raccogliendo i frutti del suo duro lavoro. Te lo meriti. Bella l'azione del gol in cui dualizza con Ramiro che con il tacco lo manda in porta, stop e tiro di destro che si insacca alle spalle del portiere. FUMANTINO
GALANTE 7+ - E' pimpante dal primo minuto come un bambino che torna al parco dopo dieci giorni di febbre. Soffia numerosi palloni ai centrocampisti avversari. E' un piacere giocarci in coppia. Nel primo tempo si fa trovare spesso in fuorigioco (dubbio) ma nella ripresa sfrutta tutte le occasioni che gli capitano mettendo due volte la palla in rete.  SGUSCIANTE
DI TOMMASO 6.5 - Cerca di lavorare tanto per la squadra come ogni partita, mettendo al servizio dei compagni il proprio fisico e la propria corsa. Si fa trovare sempre pronto sui perfetti rinvii dal fondo di Fabione, cercando di spizzare e di creare apprensione agli avversari. Sul finire del primo tempo spreca malamente a tu per tu con il portiere mettendo a lato un pallonetto facile facile. Nel secondo tempo gli viene negata la gioia del gol per un presunto fallo di mano. RITENTA
ORSOLINI , CINQUE , DE POMPEIS , TERRIBILI , FORTINI 6 - Subbentrano nel secondo tempo e ognuno alla propria maniera si mette a servizio della squadra per aggiudicarsi questa vittoria.
FUORI DAL CAMPO 10 - Le ultras della famiglia Ingannamorte si fanno sentire anche più del previsto. In quel di Colleferro si scontrano come due capicurva di vecchia data. Nel secondo tempo diventano protagoniste del battibecco sulle tribune e ne escono vincitrici. Presente anche la famiglia di Nuccili, che ha potuto godersi i due assist del pupo di casa. AVANTI COSì!!! FORZA LUCKY!!!!

lunedì 17 novembre 2014

Più forti dei raid e degli incappucciati vigliacchi, Ardita San Paolo alè!


L'asd Lucky Junior si vuole unire ai numerosi attestati di solidarietà giunti all'Ardita San Paolo dopo l'infame aggressione subita dai tifosi giallo-neri nella mattinata di ieri.

"Domenica mattina, poco dopo le undici, con la partita tra Magliano Romano e Ardita cominciata da nemmeno un quarto d’ora, in una via adiacente al campo si fermano una decina di macchine, le targhe camuffate. Escono una quarantina di individui a volto coperto, armati di caschi, mazze, bastoni e manici di piccone e assaltano i tifosi dell’Ardita. Un’aggressione squadrista in piena regola, perfettamente organizzata, della durata di tre-quattro minuti al massimo. I picchiatori si dileguano in fretta sulle loro auto, mentre a terra rimangono una ventina di ragazzi e ragazze: sei di loro sono trasferiti all’ospedale di Monterotondo con ferite, anche al volto, e fratture varie. Cinque sono rilasciati lunedì mattina, il sesto è invece trasferito al Policlinico di Roma dove è sottoposto un intervento chirurgico per una frattura scomposta a un braccio".

Quello avvenuto ieri è un raid perpretato da un gruppo di vigliacchi che ci auguriamo vengano presto individuati e puniti (le forze dell'ordine hanno già effettuato 9 arresti).
Da 13 anni la Lucky porta avanti i valori di sport popolare e integrazione attraverso lo sport.
Al di là dei colori delle maglie e delle idee politiche vi siamo vicini.
Speriamo di incontrarvi ancora in campionato.

Tenete duro.

mercoledì 12 novembre 2014

Siamo vivi... dobbiamo solo ricordarcelo

Sei mesi da vivere ancora insieme, che siano sei mesi da raccontare ;-)



Vivere la vita è una cosa veramente grossa
C’è tutto il mondo tra la culla e la fossa
Sei partito da un piccolo porto
Dove la sete era tanta e il fiasco era corto
E adesso vivi….
Perché non avrei niente di meglio da fare
finchè non sarai morto
La vita è la più grande ubriacatura
Mentre stai bevendo intorno a te tutto gira
E incontri un sacco di gente
Ma quando passerà non ti ricorderai più niente
Ma non avere paura, qualcun’ altro si ricorderà di te
Ma la questione è…Perché???
Perché ha qualcosa che gli hai regalato
Oppure avevi un debito…e non l’hai pagato???
Non c’è cosa peggiore del talento sprecato
Non c’è cosa più triste di una padre che non ha amato…

Vivere la vita è come fare un grosso girotondo
C’è il momento di stare sù e quello di cadere giù nel fondo
E allora avrai paura
Perché a quella notte non eri pronto
Al mattino ti rialzerai sulle tue gambe
E sarai l’uomo più forte del mondo
Lei si truccava forte per nascondere un dolore
Lui si infilava le dita in gola….per vedere se veramente aveva un cuore
Poi quello che non aveva fatto la società l’ha fatto l’amore…
Guardali adesso come camminano leggeri senza un cognome….

Puoi cambiare camicia se ne hai voglia
E se hai fiducia puoi cambiare scarpe…
Se hai scarpe nuove puoi cambiare strada
E cambiando strada puoi cambiare idee
E con le idee puoi cambiare il mondo…
Ma il mondo non cambia spesso
Allora la tua vera Rivoluzione sarà cambiare tè stesso
Eccoti sulla tua barchetta di giornale che sfidi le onde della radiotelevisione
Eccoti lungo la statale…che dai un bel pugno a uno sfruttatore
Eccoti nel tuo monolocale… che scrivi una canzone
Eccoti in guerra nel deserto che stai per disertare
E ora…eccoti sul letto che non ti vuoi più alzare…
E ti lamenti dei Governi e della crisi generale…

Posso dirti una cosa da bambino???
Esci di casa! Sorrdi!! Respira forte!!!

Sei vivo!!!…cretino….